HOME PAGE
indietro
/
1
/
2
/
3
/
4
/
5
/
6
/

LA SCELTA DELLA FRECCIA
In ambito Fiarc, se utilizzate un arco storico oppure un longbow la scelta è obbligata dal regolamento: aste in legno.
Se invece il vostro arco è un ricurvo potete scegliere: aste in legno, aste in alluminio, aste in alluminio e carbonio, aste in carbonio.

In ogni caso c’è un aspetto importante di cui tenere conto, sia per salvaguardare l’investimento economico che avete fatto nell’acquistare il vostro arco, sia per ottenere il massimo rendimento dalla macchina-arco in modo che ceda alla freccia il massimo di energia possibile:

il peso!

IL PESO DELLA FRECCIA
In relazione al libbraggio effettivo del vostro arco al vostro allungo è consigliabile un rapporto peso-potenza di “almeno” 7 grani/libbra per archi di bassa o normale efficenza.

Se, per esempio, il vostro arco, al vostro allungo di 27” amo (25” e 1/4 dalla corda al pivot point), raggiunge le 45 libbre:

45 libbre x 7 grani = 315 grani

e cioè (1 grano = 0,0648 grammi): 315 grani x 0,0648 = 20,4 grammi
che è il peso minimo al di sotto del quale rischiamo di rovinare i nostri flettenti e comunque sicuramente disperderemo grande parte dell’EEP (energia elastica potenziale) accumulata.

Alcuni fabbricanti per i loro archi indicano 9 grani/libbra come corretto rapporto peso potenza e in tal modo per il nostro arco di esempio avremo bisogno di 26,244 grammi di peso minimo della freccia.(vedi tabella BW aste Easton)

L'adozione di un rapporto peso-potenza di 7 oppure 8 oppure 9 grani/libbra dipenderà quindi dall'efficenza della macchina-arco utilizzata: a pari sforzo di trazione, al medesimo allungo di riferimento, archi di diverse qualità progettuale e costruttiva restituiranno diverse forze di spinta.
Con moderni archi custom ad alta efficenza potrebbero/dovrebbero essere utilizzate frecce ancora più pesanti allo scopo di trasmettere alle medesime una maggiore energia cinetica (per la caccia si può pensare a 14/15 grani/libbra).

II materiali utilizzati per la costruzione delle aste hanno ovviamente pesi specifici diversi e consentiranno quindi la realizzazione di frecce con peso complessivo diverso secondo il materiale impiegato.

LA MISURA DELLO SPINE STATICO è espressa in millesimi di pollice: significa che l’asta Beman ICS Energy 1000, raffigurata nella prima delle fotografie che corredano questo testo, se appoggiata a due sostegni a 28” l’uno dall’altro e sottoposta ad un peso di 1,94 libbre applicato al centro dell’asta stessa, si fletterà in quel punto di 1000 millesimi di pollice (quindi di 1 pollice).
asta beman ics
asta easton acc

Nella seconda foto abbiamo una Easton ACC che riporta il codice 3L-18/620: messa alla prova dimostrerà uno “spine” statico di 620 millesimi di pollice. Vedere tabella comparativa Easton in fondo a questa pagina

La Carbonaeros 500 della terza immagine: 500 millesimi di pollice (quindi 1/2 pollice).
asta lightspeed
asta alluminio

Quarta foto: freccia in alluminio Easton XX75 Platinum Plus che riporta la dicitura 1913. Non significa uno spine di 1913 millesimi di pollice bensì che si tratta di un’asta in alluminio del diametro di 19/64mi di pollice e di uno spessore della parete di 13/1000mi di pollice. Per conoscerne lo “spine” statico dobbiamo procurarci l’apposita tabella Easton (qui trovate parte di quella del 2004).
Consultando la tabella scopriamo che lo “spine statico” di una Easton 1913 XX75 è di 733 millesimi di pollice e che il peso di un’asta lunga 29” è di 242 grani (ma senza la cocca, le penne e la punta).
Vedere tabella comparativa Easton in fondo a questa pagina

Quinta foto: la Supercobra (asta in carbonio economica). La scritta dichiara che l’asta in questione andrebbe bene per archi dalle 40 alle 45 libbre (???). Significa che se acquistassimo una dozzina di tali aste “40/45 LB” avremmo probabilmente 12 aste non proprio identiche tra loro (essendo economiche non si può pensare a strettissime tolleranze di fabbricazione) lo “spine” delle quali, forse, sarà “sopportato” dal nostro arco. Non aspettiamoci, quindi, grandi prestazioni.

Mi pare opportuno segnalare che aste di non eccelsa qualità, messe alla prova con uno spine tester, potrebbero riservare delle sorprese: durante la misurazione la rotazione dell'asta su sè stessa potrebbe rivelare spine diversi variando il senso di applicazione del peso. Anche l'uso di una bilancia potrebbe farci verificare differenze significative fra asta e asta.

Attenzione: aste in materiali diversi con il medesimo spine statico = spine dinamico diverso!

Quindi, se decidete di cambiare asta, è opportuno procedere nuovamente ai vari test di verifica dello spine dinamico.


Qui di seguito, in collegamento diretto con il sito Easton, la tabella interattiva per la comparazione di peso, dimensioni e spine delle aste Easton:

E qui, da una vecchia versione del sito Martin Archery, il collegamento alle tabelle Easton del millennio scorso:


/
1
/
2
/
3
/
4
/
5
/
6
/

Zero ore
music by Emanuele Jaforte